Permesso di sosta invalidi anche alle persone autistiche

Non tutti i Comuni riconoscono alle persone con autismo il diritto al rilascio del contrassegno handicap, finalmente il Ministero dei trasporti,da indicazioni in merito a questa concessione, anche una persona con autismo ha diritto al contrassegno per la sosta.
Ecco l'articolo fonte su link  CN24TV.it del 12-07-2015-

Testo:

L’autismo, si dice, è un problema, o un deficit, di relazione e comunicazione: e lo è in tutti i sensi, a 360 gradi, investendo tutto il sistema di rapporti che circonda la persona con autismo e chi le vive accanto. E proprio da questa difficoltà di comunicazione e di comprensione, derivano quei problemi “collaterali”, apparentemente “piccoli” problemi, che però rappresentano per le famiglie un grande fattore di stress.

Finalmente un parere del ministero dei Trasporti fa chiarezza sui diritti relativi ai permessi invalidi per agevolare la sosta per le persone con autismo. Secondo il Ministero, infatti, anche una persona autistica ha diritto al contrassegno per la sosta. Insomma superata una vera distorsione quella di rilasciare il contrassegno per la sosta solo alle patologie che presentano delle difficoltà di movimento.

La persona autistica potrebbe avere delle difficoltà diverse dalla deambulazione ma ad esse correlate, ad esempio potrebbe avere una difficoltà iper sensoriale nel camminare nel traffico cittadino (parecchi bambini autistici di "tappano" le orecchie per escludere alcuni suoni che li infastidiscono), potrebbe cominciare ad urlare per coprire detti rumori, potrebbe avere delle stereotipie motorie che lo ostacolano nei movimenti, o, nei casi più gravi potrebbe avere delle crisi di autolesionismo.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” il diritto alla mobilità, sancito anche dalla Convenzione Internazionale sui Diritti delle Persone con Disabilità, con questo inedito parere del Ministero dei trasporti, ha modo di essere ancora più effettivo, consentendo di superare le difficoltà di comunicazione e di comprensione reciproca tra le varie amministrazioni e comandi di Polizia comunali, con la loro burocrazia e le regole, e l’autismo, con le sue peculiari necessità, anche perchè è e noto praticamente ovunque questa lontananza fra le esigenze della popolazione e le istituzioni.

I commenti sono chiusi